Durata: 4 ore (degustazioni di prodotti tipici escluse)

Lingua: italiano

Disponibilità: per tutto l’anno da Lunedì a Domenica

Luogo di partenza: direttamente presso l’albergo

Luogo di arrivo: direttamente presso l’albergo

Livello di difficoltà: basso

Tipo di tour: arte e storia, cultura e tradizioni, enogastronomia

Descrizione

Martina Franca è una delle più importanti città della Valle d’Itria (altrimenti denonimata Murgia dei Trulli per la concentrazione di questi edifici dal caratteristico tetto conico costruito in pietra a secco ossia senza l’utilizzo di malta).

Visiteremo il centro storico di questa ridente cittadina con i suoi palazzi e chiese barocche, il sontuoso Palazzo Ducale con le sale affrescate ed il museo della civiltà contadina. Scopriremo la leggenda di San Martino ed il mendicante.

Conosceremo le tecniche di produzione ed assaggeremo un’eccellenza della norcineria pugliese, il Capocollo di Martina (DOP e presidio Slow Food) ed altri salumi.

Alla fine del tour visiteremo Cisternino : inserito nella lista dei Borghi più Belli d’Italia ed insignito della Bandiera Arancione  (un riconoscimento che premia la qualità del turismo e dell’ambiente di borghi nell’entroterra) del Touring Club Italiano.

Visiteremo il suo centro storico con le case imbiancate a calce, la torre dell’orologio e la Chiesa Madre che conserva una delle più prestigiose sculture del rinascimento pugliese: la Madonna con Bambino e Offerenti (detta anche la Madonna del Cardellino, 1517).

La quota comprende:

– trasferimento in auto privata con autista per mezza / intera (fino a 4 / 8 ore) giornata

– guida turistica professionale in lingua per mezza / intera (fino a 4 / 8 ore) giornata

Non incluso nel prezzo:

– pasti e degustazioni

– visita del salumificio e degustazione (Capocollo di Martina, altri salami, taralli e vino): 8 € per persona

– tutto quanto non indicato nella voce “la quota comprende”

Alcune idee per cambiare l’itinerario

E’anche possibile estendere o modificare il tour con un pasto in un ristorante tipico (Martina Franca e Cisternino sono rinomate per le salsicce e bombette arrosto); una lezione di cucina; una visita aziendale con degustazione di vini, olio extra vergine d’oliva, formaggi o altri prodotti tipici;  una visita guidata di Alberobello (sito Unesco con i suoi trulli), Locorotondo (con la sua pianta circolare), Noci (per assaggiare il miglior panino d’Italia con prodotti Slow Food), Ostuni (la città), Ceglie Messapica (il tempio della cucina pugliese), Castellana Grotte (con le sue meravigliose grotte naturali).